Nell’era dei social network, ok le PR ma senza dimenticare le Online Media Relations

1263

Mi sembra interessante partecipare al dibattito su cosa siano le PR oggi, aperto da Francesca Valente su Fvlab. La definizione di Francesca, mutuata dagli Stati Uniti, per quanto riguarda i social network mi sembra ineccepibile. La mia riflessione parte solo da una considerazione: il rischio confusione. Se, infatti consideriamo le PR digitali come la capacità di dialogare, in estrema sintesi, con le communities parliamo di un’attività particolare, in grande sviluppo e di grandissima importanza. se invece parliamo di capacità d’identificare e interfacciare gli influencers e i “nuovi media”, per svolgere un lavoro “a monte” del buzz e per influenzare l’agenda setting allora trovo più corretto parlare di online media relations. Si tratta di due attività strettamente complementari, che condividono strumenti, linguaggio, semiotica e simbologia ma che si rivolgono a interlocutori diversi e con diversi obiettivi professionali. Credo sia importante mantenere questa diversificazione, proprio per non ingenerare quella confusione di ruoli e professionalità che non sta facendo bene al ruolo e alla figura dei comunicatori. Detto questo, va sottolineato, come fa anche Francesca, che le RP e le Online Media Relations hanno ormai assunto un ruolo più che centrale nella strategia comunicativa delle aziende, costrette sempre più a gestire direttamente il rapporto con i propri stakholders.

Di seguito il post di Francesca Valente.

Le Relazioni Pubbliche sono sempre esistite. Prima del giornalismo, prima della propaganda: sono l’espressione più esplicita dell’umanità. L’uomo è fatto per elaborare informazioni, ma soprattutto per comunicarle agli altri.

Fresca di consultazione pubblica internazionale, arriva dagli Stati Uniti la nuova definizione di Relazioni Pubbliche: un processo strategico di comunicazione che costruisce relazioni reciprocamente vantaggiose tra le organizzazioni ed i loro pubblici. (PRSA – Public Relations Society of America).

Le RP vengono riconosciute come processo di comunicazione strategica dunque, in una relazione simmetrica tra l’organizzazione e i pubblici di riferimento.

Ma cosa significa fare RP oggi?

I social media hanno condizionato fortemente le RP: all’attività tradizionale si affiancano nuovi linguaggi e processi, funzionali al web 2.0. Occuparsi di digital PR non significa semplicemente instaurare scambi reciprocamente vantaggiosi online, ma connotare la relazione di determinati elementi, tipici del web sociale: reciprocità, trasparenza, immediatezza, autenticità.

L’interazione online tra professionisti delle RP e gli interlocutori di riferimento, assume un linguaggio meno istituzionale di quello adottato nel classico scambio via mail o nella telefonata (non ci si da certo del lei in un tweet!). Questa informalità agevola il dialogo e lo rende più vero ma attenzione: il confine tra confidenza ed invadenza è labile per questo la costruzione di un rapporto solido e duraturo richiede tempo, pazienza e discrezione.

Le digital PR si sviluppano in due direzioni:

– attraverso l’attività di community management, sviluppando conversazioni a tema con il proprio pubblico di riferimento nei canali social dell’azienda

– sviluppando il cosiddetto buzz seeding, seminando quel passaparola utile a veicolare i messaggi aziendali lì dove possono essere ascoltati: nei forum, nelle community di riferimento, nei blog degli opinion leader.

6 semplici punti da ricordare per una attività di RP online efficace:

1) Avere un messaggio chiaro e incisivo: la Rete è densa di informazioni, quindi non basta catturare l’attenzione del lettore, bisogna fare in modo che il contenuto venga ricordato.

2) Abbandonare l’autoreferenzialità ed ascoltare: prima di parlare di noi, parliamo con il nostro pubblico. E quando parliamo di noi non lodiamoci: l’azienda “leader di settore” è 1.0.

3) Gestire le situazioni di crisi in modo efficace e tempestivo: il web non perdona, fondamentale un’attività di crisis management pianificata per non farsi cogliere impreparati in caso di criticità.

4) Non solo chiacchiere: un buon contenuto è la base, ma va posizionato bene e i vanno monitorati i feedback.

5) Il pubblico 2.0 è complesso e diversificato: attenzione ad individuare i destinatari giusti! Una conversazione nel posto sbagliato, non serve a nulla.

6) Immediatezza non si significa improvvisazione: pensare e ripensare prima di scrivere: i social media sono potenti strumenti di influenza sociale, e le dinamiche virali che si scatenano sono potentissime. Per questo va prestata la massima attenzione a ciò che si scrive, che rimane indelebile.

Grazie alle infinite possibilità che il web offre, mai come ora le RP possono considerarsi veramente importanti e finalmente in grado di integrare tutte le attività comunicative volte ad instaurare relazioni tra enti, aziende, strutture e persone. On e offline.